20100928

Non ce ne voglia l'idraulico ma abbiamo buttato tutti i filtri

Con quei soldi non si può fare un film. E noi lo abbiamo fatto. Quelle cose non si possono raccontare in un film. E noi le abbiamo raccontante. Quelle altre cose non si possono far vedere in un film. E nel film si vedono. Perdonateci, ma ci sembra di aver letto che l'arte è libera. Se tutt'intorno nessuno ha messo in pratica questa libertà non credo sia un problema nostro.

Se l'immaginazione deve passare un filtro e poi un altro e poi un altro e poi un altro ancora per diventare racconto, alla fine con che coraggio la chiamiamo "libera". I filtri metteteli pure nella vita quotidiana, nel lavoro, nelle relazioni e in tutto ciò che volete. Ma quando scrivete... beh, mandateli serenamente a cagare questi filtri. Noi lo abbiamo fatto. Abbiamo cercato di dare un senso alla frase "l'arte è libera", per non lasciare queste parole vuote di ogni significato, buone per i bigliettini dei baci perugina e nulla più.


E intanto l'uscita del film si avvicina...

20100920

Il backstage

Beh, allora?! Sto film è finito oppure no? Quand'è che lo si può finalmente vedere?

Eh c'avete ragione pure voi. Però bisogna pazientare ancora un pò. Intanto vi ripetiamo che il film è finito. E potete crederci. L'avesse detto Minzolini che il film era finito, avremmo avuto anche noi i vostri dubbi. Ma il tg1 non ne ha parlato, quindi vuol dire che è una cosa seria. Il film è bello che finito, pronto a scatenare un ciclone di polemiche al momento della sua uscita. Ma affinché possa circolare senza la mannaia di una qualsiasi censura preventiva è cosa buona e giusta mandarlo a qualche festival in giro per il mondo, prediligendo magari qualche paese con un pò più di libertà d'espressione rispetto al nostro. E sapete com'è, ci sta questa storia fastidiosa per cui il film deve rimanere inedito ancora per un pò. Ma se ci dice bene, ci potrà aiutarlo a farlo circolare di più. Comunque è questione di poco. E quando uscirà non dovrete sganciare nemmeno i soldi del biglietto, perché il film lo distribuiamo gratuitamente sul web.
Ma in questo limbo d'attesa mica siamo insensibili! E per chi ci avete preso?
Ogni settimana vi regaliamo qualche perla del film, come questa, per esempio. Un corposo backstage di circa 8 minuti realizzato da Miriam Marini, che ha avuto la pazienza di seguirci e filmare il delirio che si è consumato durante questo set. Per ora è tutto, al prossimo post!



20100913

Guardi ancora la tv? Il tuo medico e il tuo farmacista posso aiutarti a smettere

La spazzatura culturale che quotidianamente riempie gli schermi televisivi sono un bel problema. Basta un talk show o un varietà demente per distruggere decenni di letteratura. All'inizio di ogni programma dovrebbero scriverci "Nuoce gravemente alla salute della tua mente". Eh sì, questo dovrebbero scriverci. Però. Questo però non viene fatto. Chissà, forse sono distratti... ma per fortuna ci siamo noi che, armati di spirito caritatevole verso lo spettatore, ci prodighiamo a dare un pò più di spessore a questo schifo di tv.

Oggi proponiamo un quiz rivoluzionario. Che stimola la lucidità, la riflessione, il senso della memoria. Signore e signori, ecco il quiz che rivoluzionerà la televisione italiana: LE GOCCE CHE FANNO TRABOCCARE IL WATER

20100909

Ci siamo quasi...

Insomma, dopo più di due anni di lavoro, possiamo finalmente dire che il film di Teleaut - Ultima Trasmissione è finito! In effetti in quest'ultimo periodo, tra traversie produttive, contrattempi di varia natura, terremoti, alluvioni, maree nere, ufo, Gasparri e lavori in corso sulla metro B, i tempi si sono dilatati a dismisura. Ma alla fine ce l'abbiamo fatta.

A breve il tanto agognato film sarà disponibile sul web. Libero, gratuito, randagio. Pronto ad innescare ogni tipo di polemica possibile e immaginabile. Non ne vediamo l'ora.

Nel frattempo però, dopo essere morto e poi risorto e poi ri-morto, questo modesto blog risorge per la seconda volta. E stavolta venderà cara la pelle.
Per questa seconda rinascita del blog avevamo pensato di fare una parodia dell'informazione, ma poi ci siamo accorti che in quanto a parodia dell'informazione c'è già il TG1. Ed è così divertente che ci sentivamo un pò in imbarazzo a competere. Quindi abbiamo optato per fare il classico blog ufficiale del film, quello in cui si raccontano aneddoti intorno alla pellicola, si pubblicano interviste e si fanno marchette allo sponsor (che in realtà nemmeno abbiamo, ma metterci qualche marchetta è segno di professionalità, quindi qualcosa ci inventeremo).

Ma ora basta con le chiacchiere.
Ecco a voi il trailer di Teleaut